light-festival-23

Il Light Festival tinge di luce e colori Alberobello

Alberobello ha brillato anche quest’anno con il Light Festival, l’evento che porta nuovamente l’arte della luce tra i trulli.

Dal 22 al 30 luglio, le strade e le piazze di Alberobello hanno ospitato installazioni luminose di artisti nazionali e internazionali: dall’Atelier YokYok, fondato e diretto degli architetti Samson Lacoste e Luc Pinsard, con il suo Treedom, omaggio alle origini di Alberobello a Deni Bianco, maestro cartapestaio putignanese, con il suo prato fiorito; da Vittoria Rutigliano, che, con il suo Dejavì, ci ha offerto un’esperienza tridimensionale grazie alla tecnica del collage e all’utilizzo di giochi di luce unici, per rappresentare il rapporto con il ricordo del passato a  Claudia Reh, che ha trasformato il Trullo Sovrano e gli altri trulli circostanti nella tela più adatta a rappresentare il blu degli abissi e dei suoi abitanti; e tanti altri artisti come il team di Lightcones o il collettivo Sano/sano, che ha trasformato i trulli e vere e proprie navicelle spaziali che portavano il visitatore indietro nel tempo.

Questa edizione, più delle altre, ha trasformato Alberobello in un posto fantastico, tinto di luce e colori, più magico di quanto non lo sia già.

Ludovica Romanazzi 

Riproduzione riservata
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Torna in alto